La decisione di costruire l’ospedale fu presa nel 1928 dalla Confederazione Fascista degli Industriali per lo studio e la cura delle malattie polmonari. Nel 1930 iniziarono i lavori e nel dicembre 1934 fu inaugurato e chiamato inizialmente “Istituto Benito Mussolini” solo in seguito fu intitolato a Carlo Forlanini seguace di Robert Koch Premio Nobel per la medicina nel 1905 scopritore dell’agente patogeno della tubercolosi.
Il Complesso si estende per oltre 280 mila metri quadrati con un grande parco con piante ed essenze esotiche. La planimetria a ferro di cavallo garantiva aria e luce nelle stanze della degenza collegate da balconate. Non mancavano la biblioteca, il museo, un cinema da ottocento posti, un’aula magna, una chiesa. Insomma una città autonoma all’interno della zona di Monteverde.
Il 24 ottobre 2006 con delibera n. 2145 la direzione Generale dell’Azienda San Camillo Forlanini decreta la dismissione dello storico Ospedale trasferendo i reparti al San Camillo. Il Piano approvato fissava la data della chiusura definitiva entro il 2008. Tale decisione viene ratificata il 23 dicembre 2006 dal Consiglio Regionale del Lazio (art.26 della legge finanziaria regionale 2007).
Nel 2010 interviene un atto formale dell’allora commissario dott. Martelli che presenta un progetto di riconversione del Complesso alla Presidente della Regione Lazio Renata Polverini. Ma non se ne fa nulla.
La chiusura del Forlanini, proposta dall’Azienda per ottimizzare l’uso delle risorse a parità di servizi. La struttura monumentale del Forlanini, su parere dei tecnici, fu ritenuta inadatta alle esigenze di moderne tecnologiche e organizzative ospedaliere.
In seguito il termine della chiusura definitiva fu prorogato al 31.12.2014 e dal 1.1.2015 il complesso passava nella proprietà della Regione Lazio.
Successivamente la Regione Lazio chiedeva al Ministero dei Beni Culturali l’autorizzazione all’alienazione del Complesso Forlanini “al fine del conferimento ad apposito fondo immobiliare per la commercializzazione del bene medesimo” Il Ministero rispondeva che la Sovrintendenza non era in grado di esprimere un parere. Il 18.10 2016 la Regione inviava un sollecito al Ministero senza tener conto del fatto che il 4.11.2015 il Ministero dei Beni Culturali, in applicazione alla legge n. 42/2004 aveva messo un decreto sul Forlanini, come bene di interesse storico-artistico che tutelava il Complesso.
Dal 2014 al 2016 la Regione approvava una serie di delibere per l’utilizzo e la valorizzazione del Forlanini che prevedevano la sede di uffici pubblici denominata la “ Cittadella della Pubblica Amministrazione”
Il 13.12.2016 la Regione approva la delibera n.766 con la quale trasforma il Forlanini da bene patrimoniale indisponibile a bene patrimoniale disponibile per inserirlo tra gli immobili da destinare all’alienazione.
Il 2018 è l’anno della fine del Commissariamento della Sanità Laziale perché sono stati raggiunti gli obiettivi economici prefissati e il pareggio di bilancio.
Il 10 dicembre 2019 la giunta Regionale del Lazio in una memoria presentata dall’Assessore Alessandra Sartore , programmazione economica bilancio demanio e patrimonio, “ Accordo tra il Governo della Repubblica Italiana, il Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo ( IFAD) e il Programma Alimentare Mondiale (WFP) – Concernente la collaborazione per la valutazione delle idoneità del complesso Forlanini come quartier generale dell’IFAD e del WFP e spazio ufficio per altre identità ONU ed Organismi Internazionali situate in Roma”.
Nel 2020 in occasione del Coronavirus è partita una petizione che ha raccolto circa 90mila firme per l’apertura del Forlanini o parte di esso. Questa petizione ha riportato la discussione sul Forlanini e sul suo utilizzo.
Il 21 dicembre 2015 viene costituito, su proposta del Comitato di Quartiere Monteverde Nuovo, il Coordinamento Forlanini proprietà pubblica, bene comune con all’interno comitati, associazioni, e cittadini. Il Coordinamento ha tenuto assemblee cittadine, fiaccolate, flash mob, per rivendicare un tavolo partecipato per discutere il destino del Forlanini. E’ stato ricevuto anche dall’assessore ma con esito sempre negativo.
Alcune associazioni del Coordinamento hanno depositato un ricorso al TAR per l’annullamento della delibera di giunta n. 766.
Il Coordinamento ha fatto anche alcune proposte tese a mantenere la proprietà pubblica a recuperare la vocazione socio sanitaria della struttura, a valorizzare il patrimonio culturale, del parco, del museo e a salvaguardare l’unitarietà architettonica e i caratteri identitari del Complesso.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi